Saltar al contenido

Apple AirPods 3 vs Beats Studio Buds – Migliori cuffie bluetooth in-ear?

Cuffie Beats Studio

Apple AirPods 3 vs Beats Studio Buds

Beats ha fatto in modo che le Studio Buds si rivolgessero a un sottogruppo più ampio di utenti, il che significa che non le comprerete solo perché pensate che vi faranno rimbombare le orecchie con bassi spessi. C’è molto di più, tra cui un suono decente, un buon comfort e un po’ di flash sul lato.

Cuffie Beats Studio

  • Scelta confortevole
  • Un suono migliore di quello tipico di Beats
  • Vestibilità super confortevole
  • Accesso a Siri in vivavoce
  • Funziona bene con Android
  • Supporto app decente
  • Nessun chip H1 o W1 per gli utenti Apple
  • Nessuna riproduzione e pausa automatica
  • Nessuna ricarica wireless

Apple AirPods (terza generazione)

Apple AirPods 3 vs Beats Studio Buds

Apple ha dato ai suoi auricolari entry-level una veste leggermente diversa, ma la sostanza di ciò che accade all’interno non è cambiata più di tanto. Le novità rendono questi auricolari unici rispetto ai loro predecessori, ma per poterli apprezzare è necessario affrontare gli aspetti negativi.

Apple AirPods (terza generazione)

  • Aspetto tradizionale
  • Qualità audio migliorata
  • Supporto audio spaziale
  • Questa volta la struttura è più resistente
  • Eccellente qualità delle chiamate
  • Piccola custodia di ricarica
  • Nessun ANC
  • Nessuna opzione di equalizzazione
  • Fulmine per la ricarica
  • Non è altrettanto resistente all’acqua e al sudore

Beats sarà anche un marchio diverso, ma presenta molti dei tratti distintivi dei prodotti Apple. Entrambi sono tra i migliori auricolari wireless, anche se nessuno dei due è il migliore nelle rispettive linee di prodotti. Tra l’altro, presentano alcune somiglianze, tra cui il prezzo, per poi discostarsi in modo significativo una volta ascoltata la musica.

Beats Studio Buds vs. Apple AirPods (terza generazione): Distinguersi

Apple AirPods 3 vs Beats Studio Buds

Gli AirPods Pro sono spesso il metro di misura per qualsiasi paio di auricolari Apple o Beats, e non sarebbe diverso per entrambi i modelli. Ma questo è un confronto migliore perché gli AirPods (terza generazione) sono solitamente più costosi dei Beats Studio Buds. La domanda è: quale paio di cuffie offre il miglior rapporto qualità/prezzo alla fine della giornata? Le specifiche tecniche raccontano solo una parte della storia.

Se da un lato ci sono delle somiglianze, dall’altro ci sono anche delle differenze che giocano un ruolo importante nel funzionamento dei due modelli. Ad esempio, la durata della batteria non è eccezionalmente buona, in entrambi i casi, quando entra in gioco la caratteristica distintiva di ciascun paio. Per le Studio Buds si tratta della cancellazione attiva del rumore (ANC), mentre per gli AirPods (terza generazione) si tratta dell’audio spaziale. Queste due caratteristiche non si intersecano, quindi fanno parte della proposta di valore in questione.

È importante anche stabilire quale coppia sia più compatibile con i dispositivi Android, ed è qui che Beats ha un vantaggio. Le Studio Buds sono prive dei chip H1 e W1 che si connettono perfettamente con i dispositivi Apple, ma sono altrimenti irrilevanti per quelli Android. Inoltre, le Studio Buds funzionano anche con Google Assistant. Anche se non è a mani libere, è almeno abbastanza facile accedervi, cosa che non accade con gli AirPods.

Per quanto riguarda la durata della batteria, non sono molto distanti, ma i Beats durano almeno un’ora in più per carica e non richiedono altrettanta energia per suonare allo stesso volume. Questo conta nel tempo. Anche se gli AirPods sono in vantaggio grazie alle due ricariche extra fornite dalla custodia e alla ricarica wireless. La custodia delle Studio Buds può offrire solo due ricariche aggiuntive e, stranamente, non offre la ricarica wireless.

Beats Studio Buds vs. Apple AirPods (3a generazione): Suono e comfort

Apple AirPods 3 vs Beats Studio Buds

Il suono ha tutto a che fare con il design complessivo. Le cuffie Studio Buds utilizzano gli inserti auricolari e presentano una struttura ben sagomata per un maggiore comfort. I driver più grandi non guastano, ma il vero vantaggio sta nel modo in cui si adattano, che in definitiva li fa suonare molto meglio degli AirPods. Come i loro predecessori, gli AirPods di terza generazione utilizzano un design aperto che non è in grado di sigillare l’audio come possono fare gli inserti.

Sono anche un concetto di taglia unica. Il modo in cui si adattano una volta è quello in cui si sentiranno ogni volta. Sfortunatamente, questo non è di buon auspicio per il suono, perché la mancanza di una tenuta più stretta significa che si sentono meno bassi. Le cuffie Beats sono già note per la loro capacità di aumentare i bassi, anche se le Studio Buds non sono così intense. In ogni caso, gli AirPods hanno un grosso limite per quanto riguarda il suono e non c’è molto da fare.

Il divario aumenta se si considera l’ANC o la sua mancanza. I beat consentono almeno di escludere il più possibile il sottofondo. In alternativa, è possibile inserire il rumore con la modalità Trasparenza. L’annullamento del rumore non è eccezionale, soprattutto con le impostazioni più alte, ma la differenza rispetto alle AirPods (terza generazione) è notevole.

La mancanza dell’audio spaziale potrebbe danneggiare le Studio Buds, ma, in tutta onestà, probabilmente non è una funzione di cui si sente molto la mancanza. È comunque piacevole averla sugli AirPods e, in situazioni più tranquille, rende più coinvolgente uno spettacolo o un film. È un peccato che non si possa intervenire sul suono più di tanto. Beats avrebbe potuto fare di più per quanto riguarda la personalizzazione del suono, ad esempio offrendo un’equalizzazione personalizzata, ma almeno il suono è abbastanza buono già dalla confezione. Apple offre solo l’equalizzazione adattiva per gli AirPods, che è completamente automatizzata, quindi non è possibile controllarla.

Beats ha un’app per gli utenti Android, mentre queste funzioni rientrano nelle impostazioni dei dispositivi iOS. Il progetto di Apple si applica in modo simile a entrambi per alcuni aspetti, come l’opzione «Trova il mio» per rintracciarli quando non li si trova. Nessuno dei due è così robusto, quindi non pensate che siano ideali per la palestra. Hanno lo stesso grado di protezione IPX4: resistenza all’acqua molto limitata e poco altro per il sudore.

Beats Studio Buds vs. Apple AirPods (terza generazione): Tutto il resto

Apple AirPods 3 vs Beats Studio Buds

Da un punto di vista puramente estetico, vale la pena notare che Beats offre le Studio Buds in tre colori. È possibile scegliere tra il rosso, il nero e il bianco, oppure rimanere neutri. Si tratta almeno di opzioni, il che è più di quanto si possa sperare per gli AirPods (terza generazione), che si attengono alla tradizione di un’unica scelta in bianco.

Apple ha sempre reso gli AirPods dei punti di riferimento per le telefonate e lo fa anche in questo caso, ma la stessa qualità delle chiamate si applica anche agli Studio Buds. Si potrebbe sostenere che gli steli degli AirPods migliorino le chiamate, ma non sono sicuro che sia così tra questi due modelli. Le Studio Buds sono dotate di microfoni integrati per l’ANC che rendono le chiamate più chiare e i risultati non sono male.

Si può dire che lo stesso vale anche per i controlli a bordo, anche se Beats offre tasti fisici che migliorano notevolmente l’efficacia complessiva. Quindi, quando si fa clic una, due o tre volte, raramente si commette un errore. Gli AirPods sono abbastanza buoni con i controlli standard all-touch, quindi non è una strada, ma gli Studio Buds sono più coerenti.

Beats Studio Buds vs. Apple AirPods (3a generazione): Quale scegliere?

Si tratta di due marchi sotto lo stesso ombrello, quindi anche se ci sono alcune differenze, non si discostano completamente. Tuttavia, le differenze si riscontrano in aree importanti, come la vestibilità, il comfort, il suono e l’accessibilità per gli utenti Android. Per questi motivi, Beats è l’opzione migliore rispetto agli AirPods (terza generazione). Non è chiaro perché Apple continui ad ostinarsi a mantenere un design aperto che è più un danno che un vantaggio per la riproduzione audio.

Ciò che è chiaro è che Beats ha ricevuto una nota diversa e ha costruito gli Studio Buds in modo che fossero più simili alla maggior parte degli auricolari wireless. E con un po’ del DNA di Apple all’interno, si sentono familiari e unici al tempo stesso. Il risultato è un suono migliore, una lunga durata della batteria e una sensazione di maggiore comfort per tutto il tempo, il che vale la pena se si considera quanto si paga per entrambi i modelli.