Saltar al contenido

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4 – il momento di effettuare l’upgrade?

C’è un nuovo paio di cuffie wireless di Sony in città. Se conoscete le cuffie wireless di Sony, sapete che si tratta di una grande novità: dal loro lancio nel 2020, le WH-1000XM4 di Sony sono state in cima alla nostra classifica delle migliori cuffie wireless, quindi le XM5 erano molto attese.

Come potrete vedere leggendo la nostra recensione del Sony WH-1000XM5, non siamo rimasti delusi. Le Sony WH-1000XM5 condividono molto con le XM4, ma hanno un nuovo design e una migliore qualità del suono. Il che li rende tra i migliori in circolazione.

Ma con l’XM4 in sconto, la coppia più vecchia potrebbe rivelarsi un acquisto più oculato? Cosa distingue esattamente le due coppie? E quale è quello giusto per voi? Vediamo come si confrontano.

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4: design

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4

La prima cosa che colpisce degli XM5 è l’aspetto diverso rispetto ai loro predecessori. Il design è cambiato in modo significativo, con un archetto più sottile dotato di un cursore continuo, che consente di regolare la vestibilità in modo fluido. Invece del solito braccio girevole visto su XM3 e XM4, il braccio di XM5 è esposto, con un solo punto di contatto.

Poiché Sony ha eliminato i giunti e le cerniere, le XM5 non si piegano a palla come le XM4. Al contrario, le cuffie si ripiegano su se stesse, come le Bose Noise Cancelling Heaphones 700. Se da un lato le rende un po’ più eleganti, dall’altro le fa sembrare più delicate e meno pregiate rispetto alle più robuste XM4, per cui è più probabile che si utilizzi la custodia in dotazione per tenerle al sicuro. Questa è ora pieghevole per essere più sottile, ma occupa comunque spazio prezioso in una borsa.

Il pulsante «Custom» è stato ridenominato «NC/Ambient», ma rimane nella stessa posizione. È probabile che Sony abbia preso questa decisione in base all’uso che gli utenti hanno fatto del pulsante.

Sperate di trovare qualche opzione di colore che vi ispiri? Siete sfortunati. Gli over-ear di Sony vengono lanciati ancora una volta in nero e argento, anche se questa volta le XM5 hanno una finitura argento platino più chiara rispetto alla versione precedente. Se cercate qualcosa di meno seducente, dovrete cercare altrove.

L’XM4 sembra un po’ più ingombrante e goffo al confronto. Ma l’approccio più robusto potrebbe piacere a chi non vuole portarsi dietro una valigia per ogni viaggio.

Gli XM5 sono comodi come gli XM4: l’archetto e i cuscinetti in memory-foam sono rivestiti di una nuova pelle sintetica, morbida e liscia al tatto.

**Vincitore** Sorteggio

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4: durata della batteria

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4

Prima del lancio del WH-1000XM5, sono emerse voci su una maggiore durata della batteria. Si parlava di 40 ore, che sarebbero state ben 10 ore in più rispetto alle 30 offerte dall’XM4. Purtroppo, questo non è del tutto vero.

Sebbene sia possibile ottenere 40 ore di utilizzo dall’XM5, ciò avviene solo in condizioni molto specifiche. In particolare, con la cancellazione del rumore disattivata e utilizzando un codec audio più efficiente. Si tratta di un miglioramento di due ore rispetto alle 38 dell’XM4, ma per ovvie ragioni Sony non indica questa durata della batteria come standard.

L’XM5 offre invece le stesse 30 ore di utilizzo dell’XM4. Questo con l’ANC attivato, utilizzando qualsiasi codec audio, quindi rappresenta l’uso reale per la maggior parte delle persone. È un peccato che non ci siano miglioramenti, ma 30 ore sono comunque una cifra di tutto rispetto.

**Vincitore** Sony WH-1000XM5

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4: caratteristiche

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4

Le XM5 sono in gran parte la stessa cosa: queste cuffie offrono lo stesso set di funzioni di base delle WH-1000XM4, con solo alcuni leggeri miglioramenti. Non c’è nulla da eccepire: la XM4, dopo tutto, è una delle migliori cuffie wireless mai realizzate. E i miglioramenti sono piuttosto significativi.

La cancellazione del rumore è stata generalmente migliorata con l’aggiunta di altri microfoni. L’XM5 dispone di due processori che controllano otto microfoni (rispetto ai cinque dell’XM4) per neutralizzare i suoni di fondo. Il processore di cancellazione del rumore HD QN1 di Sony è coadiuvato dal processore integrato V1 (entrambi già presenti sull’XM4).

Come l’XM4, supporta il codec musicale LDAC ad alta risoluzione di Sony (ma non aptX o aptX HD), DSEE Extreme (che esegue l’upscaling dei file musicali in tempo reale) e la tecnologia Sony 360 Reality Audio, che offre un suono surround virtuale.

Anche l’Adaptive Sound Control della XM4 fa il suo gradito ritorno, con tanto di aggiornamenti. L’Adaptive Sound Control regola automaticamente l’audio in uscita a seconda della situazione, rilevando ad esempio se ci si trova in un prato tranquillo o in una strada trafficata della città e regolando l’audio di conseguenza. Si tratta di una versione più avanzata rispetto a quella presente sull’XM4, che si basa sull’esecuzione dell’NC Optimiser di Sony dopo aver cambiato ambiente per assicurarsi di ottenere la migliore cancellazione del rumore possibile.

L’Adaptive Sound Control riconosce anche i luoghi più frequentati, quindi se si percorre regolarmente lo stesso tragitto o si frequenta la stessa palestra, le cuffie impareranno rapidamente a regolare il suono in base alle esigenze.

L’accesso rapido consente di riprendere la riproduzione di Spotify in due o tre tocchi, senza dover tirare fuori il telefono, mentre l’app Sony Headphones Connect segnala se il volume di ascolto è troppo alto e potrebbe danneggiare l’udito. Questa funzione si basa sui dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, quindi ha un fondamento scientifico.

È tornato anche il sistema Speak-to-Chat. Questa funzione rileva quando si sta parlando, mette in pausa la musica e lascia entrare il suono ambientale, in modo da poter conversare senza togliere le cuffie. Togliendole, la riproduzione si interrompe automaticamente, rimettendole si riavvia: con questa funzione (chiamata «Wearing Detection»), reagiscono un po’ più rapidamente rispetto all’XM4. I controlli a mani libere sono garantiti dagli assistenti vocali Google Assistant e Amazon Alexa.

Come il WH-1000XM4, l’XM5 supporta il Multipoint, quindi può essere accoppiato in modalità wireless a due dispositivi contemporaneamente. Ricevete una chiamata? Sapranno da quale dispositivo proviene e vi collegheranno automaticamente. Inoltre, è possibile cambiare dispositivo con la semplice pressione di un pulsante.

Le chiamate sono più chiare che mai, grazie alla tecnologia Precise Voice Pickup di Sony. Grazie ai quattro microfoni beam-forming e alla riduzione del rumore AI-powered, oltre alla riduzione del rumore del vento, fanno un ottimo lavoro per sopprimere i rumori generali e le raffiche di vento che potrebbero minacciare di soffocarvi quando cercate di usare cuffie meno potenti.

Anche Google Fast Pair è di serie, per accoppiarsi rapidamente con i dispositivi Android, mentre per i dispositivi Windows è disponibile Swift Pair.

Nel complesso, si tratta di una serie di funzioni che fanno tutto ciò che l’XM4 può fare e anche di più.

**Vincitore** Sony WH-1000XM5

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4: qualità del suono

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4

Se dal punto di vista del design il modello 1000XM è completamente cambiato, probabilmente sperate che non sia cambiato molto all’interno. Le XM4 sono tra le cuffie over-ear con il miglior suono nella loro fascia di prezzo: non sarà certo una follia modificare il motore che sta alla base di queste prestazioni da supercar?

Sony non è d’accordo. Ha sostituito il driver da 40 mm utilizzato nel WH-1000XM4 con una nuova cupola da 30 mm in fibra di carbonio composita, appositamente progettata per essere leggera ed estremamente rigida.

E gli XM5 sono ancora più belli per questo.

Il loro è un suono divertente e musicale per tutti i generi. Miglioramenti degni di nota? Il WH-1000XM5 suona più chiaro e più aperto dei modelli precedenti, e anche di parecchio. Il suono è più preciso in gamma bassa, tanto da far sembrare l’XM4 un po’ troppo denso al confronto, e raccoglie un maggior livello di dettaglio. Non è poco, considerando che anche l’XM4 offre prestazioni a cinque stelle. Lo stesso vale per le frequenze più alte: gli XM5 hanno un approccio più dinamico e incisivo alla musica.

Tuttavia, le cuffie XM4 continuano a surclassare i rivali di pari prezzo: sono sempre prestazioni composte e sicure, anche se il nuovo arrivato è in vantaggio.

**Vincitore** Sony WH-1000XM5

Sony WH-1000XM5 vs WH-1000XM4: il verdetto

Ecco come stanno le cose. Pur non rappresentando un cambiamento radicale, le XM5 rappresentano un miglioramento rispetto a quelle che erano già le migliori cuffie wireless in circolazione. La migliore qualità del suono, la migliore qualità delle chiamate, la migliore cancellazione del rumore e il design più accattivante ne fanno un acquisto interessante per chiunque abbia i fondi necessari.

Per tutti gli altri, le XM4 scenderanno sicuramente di prezzo, se non subito, in occasione di grandi eventi di vendita come l’Amazon Prime Day e il Black Friday. Si tratta comunque di un paio di cuffie straordinarie, probabilmente più pregiate delle XM5, quindi non perdete di vista l’occasione. Se ne possedete già un paio, non c’è bisogno di correre subito a fare l’upgrade.