Saltar al contenido

Roborock Q7 Max+ – Il robot aspirapolvere che si svuota da solo

Roborock Q7 Max+ recensione

Vedi il prezzo!

Scheda tecnica

Funzioni Spazzamento a secco / Mopping / Serbatoio autonomo da 2,5 litri.
Navigazione Sensori di contatto / LiDAR / Sensore di fondo / Smart Navi 3.0
Mappatura può memorizzare fino a 4 piani diversi
Potenza 4200 Pascal max / Modalità normale e a tappeto
Spazzole Spazzola inferiore / Spazzola laterale
Rumore 65 dB in modalità silenziosa
Serbatoi Solidi 470 ml / Liquidi 350 ml / Serbatoio autonomo 2,5 litri
Connettività Wifi 2,4 GHz
Autonomia 5200 mAh 50W / 3 ore in modalità normale
Controllo tramite app app Roborock / Android e iOS / Google Home, Alexa o Siri
Contenuto aspirapolvere, contenitore da 2,5 l, sacchetto per rifiuti extra e manuali.
Dimensioni e peso 445 x 392 x 142 mm / 4 kg

Roborock è uno dei produttori di robot aspirapolvere più attivi del momento. Il suo catalogo è stato rinnovato quasi completamente nel 2022, e dopo il Roborock S7 MaxV ha lanciato i Roborock Q7 Max e Max+.

Questi due robot aspirapolvere sono gli eredi dei già leggendari Roborock S5 e S6; non lo dico io, ma lo dice Roborock stessa, sostenendo di aver basato la creazione di questa nuova serie su quei modelli, ormai fuori produzione, ma che hanno dato ottimi frutti al marchio cinese.

Questi Roborock Q7 Max presentano molti miglioramenti rispetto alla serie S5, il principale dei quali è un notevole aumento di potenza che porta Roborock in linea con quanto offerto dalla maggior parte delle aziende, ma ce ne sono altri che vale la pena menzionare.

Il doppio della potenza delle serie S5 e S6

Roborock Q7 Max+ opinioni

Inizieremo la nostra carrellata di caratteristiche parlando della potenza di aspirazione, poiché è l’area in cui sono stati fatti i maggiori progressi. Ricordo che nelle serie S5 e S6 la potenza massima di aspirazione era di 2.000 Pascal, mentre questi Roborock Q7 Max raggiungono i 4.200 Pascal, poco più del doppio.

La verità è che questo aumento di potenza non è stato un capriccio di Roborock, in quanto i suoi robot ne avevano bisogno; una delle poche cose che potremmo criticare a Roborock è che i suoi robot aspirapolvere erano chiaramente inferiori in termini di potenza di aspirazione rispetto ad altri, come i robot Conga di Cecotec. Ora sono ben al di sotto di quanto ci si aspetterebbe da un aspirapolvere di fascia media.

Sono comunque disponibili 3 impostazioni di potenza: alta, media e bassa. In quest’ultima modalità si ottiene l’autonomia più lunga, con quei 180 minuti (3 ore) di autonomia che sono già diventati uno standard per il marchio cinese.

L’autosvuotamento diventa un’opzione a Roborock

Roborock ha già scelto l’autosvuotamento con il suo Roborock S7 e tutte le serie presentate quest’anno incorporano questa funzione. Roborock sa bene che gli aspirapolvere robot autosvuotanti stanno riscuotendo un grande successo, quindi questa è una mossa logica da parte sua.

Esistono due modelli della serie Q7 Max, il Q7 Max e il Q7 Max+; quest’ultimo viene fornito con la base autosvuotante Pure già inclusa, ma il Q7 Max è compatibile anche con questa base. Anche se non è incluso, è possibile acquistarlo separatamente se si rimpiange di non averlo comprato con il robot.

Questa culla autosvuotante è una delle più belle esteticamente sul mercato. Ha un design più minimalista rispetto alla precedente base che il marchio aveva prodotto per il suo S7, e questo minimalismo si traduce anche in un utilizzo semplificato, senza pulsanti e senza schermate aggiuntive; solo un coperchio superiore per rimuovere il sacchetto antipolvere e rimetterne uno, e al centro della base il logo Roborock accanto a un piccolo LED che indica lo stato di funzionamento della base.

In questo modo, ogni volta che il robot torna alla base, scarica automaticamente la polvere nel sacchetto della base. Questi sacchi hanno una capacità di 2,5 litri, una capacità che, secondo i test di laboratorio di Roborock, garantisce 7 settimane senza dover svuotare il serbatoio. Inoltre, il sacchetto stesso è già dotato di un filtro che trattiene il 99,7% dei pollini e degli altri allergeni fino a 0,3 micron, per cui, a fini pratici, si ha un doppio filtraggio: prima il filtro HEPA del robot e poi quello del sacchetto.

Roborock Q7 Max+ test

Senza rilevamento degli oggetti, ma con mappatura 3D

Né il Roborock Q7 Max né il Q7 Max+ dispongono della tecnologia di riconoscimento degli oggetti, ma entrambi godono delle virtù della mappatura laser. Questa mappatura è stata migliorata con una nuova funzione, la mappatura 3D, che visualizza un rendering 3D in alternativa alla solita mappa 2D. Questa mappa 3D non aggiunge alcuna funzionalità aggiuntiva, ma mostra la mappa in modo più visivo, rendendo più facile la creazione di zone di pulizia o di aree riservate.

Sia nella mappa 2D che in quella 3D è possibile aggiungere mobili come divani, letti o armadi e indicare il tipo di pavimento, che aiuta il robot ad adattare automaticamente l’aspirazione. Naturalmente, la mappa mostrerà anche la divisione delle stanze rilevate in base alle pareti identificate nella prima mappatura.

Questa suddivisione delle stanze sarà molto utile in fase di programmazione. Ad esempio, è possibile programmare il robot per andare a pulire la cucina dopo pranzo, oppure per pulire le stanze al mattino quando non c’è nessuno in casa, stabilendo anche l’ordine di pulizia delle stanze.

La programmazione è ulteriormente semplificata dalle routine, una funzione che Roborock ha recentemente aggiunto alla sua app (disponibile su Android e iOS), che funzionano come una sorta di scorciatoia nella schermata principale dell’app per comandare al robot di eseguire un programma di pulizia che si esegue frequentemente.

Questa funzione di routine apre le porte a una migliore integrazione e utilizzo con gli assistenti virtuali. Il Roborock Q7 Max è compatibile con Alexa, Google Assistant o Siri, che potete utilizzare se avete degli altoparlanti intelligenti a casa. Questa integrazione consente di inviare il robot a pulire stanze specifiche, ma al momento non è possibile inviarlo a pulire una routine creata nell’app Roborock, anche se è solo questione di tempo prima che Roborock aggiorni l’app in modo da poterlo fare.

Roborock pone inoltre l’accento sul blocco dei bambini e degli animali domestici, una funzione aggiunta per questo modello che impedisce al robot di avviarsi accidentalmente.

Il resto delle sue caratteristiche

recensione Roborock Q7 Max+

Per quanto riguarda le altre caratteristiche dei Roborock Q7 Max e Q7 Max+, scopriamo che questa serie sceglie di includere un unico serbatoio misto, con 470 ml di capacità per la polvere e altri 350 ml di capacità per l’acqua. Lo spazzolone è montato sul retro del robot.

È importante notare che il mop VibraRise (vibrante) che Roborock ha debuttato sull’S7 non è disponibile sul Q7 Max, ma ci sono alcune caratteristiche interessanti per questo mop, come una regolazione elettronica della portata a 30 livelli, insieme a 300 grammi di pressione per mantenere il mop incollato al pavimento per ottenere buoni risultati sulle macchie radicate.

L’anatomia del robot è simile a quella dei Roborock S5 e S6 e l’aspetto è praticamente identico. Una spazzola laterale è responsabile di «spazzare» la polvere nella bocca di aspirazione, mentre una spazzola rotante in gomma agita le fibre di tappeti e moquette per raccogliere più polvere e peli di animali domestici.

Uno degli aspetti migliori dei robot aspirapolvere Roborock è l’uso di filtri E11 lavabili, che ci risparmiano il fastidio (e il denaro) di doverne acquistare di nuovi nel tempo.

Roborock Q7 Max e Q7 Max+: conclusioni

I Roborock Q7 Max e Q7 Max+ sono due robot aspirapolvere di fascia medio-alta molto interessanti. L’aumento della potenza di aspirazione fa sì che i nuovi robot aspirapolvere lanciati quest’anno da Roborock possano competere con le garanzie di una concorrenza sempre più agguerrita.

I loro prezzi sono abbastanza equi per le caratteristiche che offrono. Particolarmente consigliabile è il Roborock Q7 Max+, che ha un prezzo di partenza di 599 euro, un prezzo che tenderà a diminuire nel tempo. Se è vero che non è il robot aspirapolvere più economico, il prezzo non è affatto male per un robot aspirapolvere con autosvuotamento, con una delle mappature più complete e con ottimi dati di potenza e autonomia.