Saltar al contenido

Garmin Venu 2 vs Vivoactive 4 – Qual è il miglior?

Garmin Venu 2 vs. Vivoactive 4: molte somiglianze

Quando si inizia ad acquistare il miglior smartwatch Android, si incontrano molte opzioni. Diversi marchi sono in competizione per questo titolo, tra cui il Garmin Venu 2 e il Vivoactive 4. Questi orologi possono avere molte somiglianze per quanto riguarda il monitoraggio di base della salute e dell’attività fisica, ma sono le differenze che determineranno la vostra decisione finale.

Se desiderate il modello più recente con tutte le ultime funzioni, il Garmin Venu 2 vi offrirà probabilmente l’esperienza che state cercando. Chi preferisce risparmiare e non si preoccupa di alcune funzioni mancanti potrebbe invece accontentarsi del Garmin Vivoacative 4. Entrambi sono ottimi orologi che offrono un eccellente indossabile con un solido monitoraggio del fitness. Entrambi sono ottimi orologi che offrono un eccellente indossabile con un solido monitoraggio del fitness.

Il Garmin Venu 2 ha nuovi vantaggi per la salute e il fitness

Garmin Venu 2 vs Garmin Vivoactive 4

Il Garmin Venu originale era ricco di funzioni utili, quindi il Venu 2 aveva un bel da fare. Fortunatamente, ha fatto un lavoro incredibile introducendo alcune nuove funzioni e miglioramenti che rendono l’esperienza dell’indossabile migliore sotto molti punti di vista. Seguendo le orme del Vivoactive 4, il Venu è ora disponibile in due misure. La taglia è l’unica differenza tra il Garmin Venu 2 e il Venu 2S. Il Venu 2 ha una cassa da 45 mm, mentre il più piccolo 2S ha una cassa da 40 mm.

Oltre a offrire due opzioni di dimensioni, il design è relativamente simile a quello del modello precedente. Detto questo, la maggior parte degli utenti concorderà sul fatto che il Garmin Venu 2 è un po’ più elegante del Vivoactive 4. Il display AMOLED è ricco e la cassa in polimero robusto con cornice in acciaio inossidabile. È dotato di un ricco display AMOLED e di una robusta cassa in polimero con una lunetta in acciaio inossidabile. I cinturini Venu 2 e 2S sono compatibili rispettivamente con cinturini a sgancio rapido da 22 e 18 mm.

Sono disponibili diverse opzioni di colore, a seconda della variante scelta. Il Venu 2 più grande è disponibile con cassa Granite Blue e lunetta argentata e con cassa Black e lunetta Slate. Se si opta per il Venu 2S più piccolo, si hanno più scelte, tra cui una cassa Graphite con lunetta Slate, una cassa Mist Gray con lunetta in argento, una cassa Light Sand con lunetta Light Gold e una cassa bianca con lunetta in oro rosa. Tutte queste varianti sono dotate di un cinturino in silicone.

Il Venu originale offriva solo fino a cinque giorni di autonomia in modalità smartwatch. Il Venu 2 migliora significativamente questo dato, offrendo ben 11 giorni di autonomia in modalità smartwatch. Questa cifra scende a 10 giorni se si opta per il più piccolo Venu 2S. Se a questo si aggiunge la nuova funzione di ricarica rapida, difficilmente ci si potrà preoccupare che la batteria si esaurisca. In 10 minuti, la funzione di ricarica rapida aggiunge un giorno intero di autonomia al vostro smartwatch.

Per migliorare ulteriormente l’offerta, il Venu 2 offre una nuova modalità di risparmio della batteria che consente di regolare le impostazioni che influiscono sulla durata della batteria. Con questo nuovo vantaggio, la batteria può durare un giorno in più. Si può affermare che il Venu 2 è uno dei migliori smartwatch Garmin in circolazione per quanto riguarda la durata della batteria.

Inoltre, il monitoraggio del sonno è stato migliorato con l’aggiunta di un punteggio del sonno, che Firstbeat Analytics gestisce. Questa funzione fornisce agli utenti un punteggio di sonno basato sulla qualità e sulla quantità del sonno della notte precedente. Prima era necessario visualizzare le statistiche del sonno nell’app Garmin Connect. Ora è possibile rivedere il sonno dell’ultima notte direttamente sull’orologio.

Il predecessore offriva già un’ampia selezione di app sportive, ma il Venu 2 si basa su questo. Ora sono disponibili 25 app sportive integrate, tra cui le nuove sono HIIT, arrampicata indoor, bouldering ed escursionismo. A proposito di attività, vi piacerà anche la funzione fitness age. È in grado di stimare se il vostro corpo è più giovane o più vecchio di voi. Questa funzione utilizza l’età cronologica, la frequenza cardiaca a riposo, l’attività vigorosa settimanale e l’IMC o la percentuale di grasso corporeo per stimare l’età di fitness. È inoltre possibile consultare i consigli su come ridurre l’età di fitness.

Una novità significativa per il monitoraggio della salute è la nuova funzione Health Snapshot di Garmin. Se si è affetti da una patologia esistente o semplicemente si vuole tenere sotto controllo la propria salute e il proprio benessere, questa funzione si rivelerà utile. Sarà possibile registrare una rapida sessione di due minuti che registrerà le principali statistiche sulla salute. È anche possibile generare un rapporto dettagliato da condividere con il proprio medico.

Alcune delle funzioni degli smartwatch presenti sul Venu sono disponibili anche sul Venu 2. Ad esempio, l’eccellente supporto per le notifiche, l’NFC per i pagamenti senza contatto con Garmin Pay e la possibilità di memorizzare fino a 650 brani musicali. È inoltre possibile inviare risposte rapide dall’orologio se si è utenti Android, oppure rifiutare una chiamata con una risposta di testo.

Il Garmin Vivoactive 4 consente di attenersi agli elementi di base

Garmin Venu 2 vs Vivoactive 4

Il Venu 2 non è la prima volta che Garmin offre due opzioni di dimensioni. Anche i Vivoactive 4 e 4S sono disponibili rispettivamente nelle varianti da 45 e 40 mm. Il design non è drasticamente diverso da quello dei modelli Venu 2.

La cassa è in polimero e la lunetta in acciaio inossidabile. Entrambi i modelli sono compatibili con i cinturini intercambiabili: 22 mm per il Vivoactive 4 e 18 mm per il Vivoactive 4S. Fortunatamente, è possibile scegliere tra un’ampia gamma di cinturini per il Garmin Vivoactive 4.

Su entrambi i modelli Vivoactive 4 non è presente il nitido display AMOLED. Si tratta invece di un display transflettivo visibile alla luce del sole. Ci si aspetterebbe che la durata della batteria sia migliore con un minore consumo del display, ma non è così buona come quella del Venu 2. Il Vivoactive 4, più grande, promette otto giorni di autonomia. Il Vivoactive 4, più grande, promette otto giorni di autonomia in modalità smartwatch, mentre il 4S ne offre sette.

Le opzioni di colore variano da un modello all’altro. Ad esempio, la variante da 45 mm è disponibile con cassa Shadow Gray e lunetta in argento e cassa nera con lunetta in ardesia. La variante più piccola da 40 mm offre un maggior numero di opzioni, tra cui una cassa Powder Gray con lunetta in argento, una cassa bianca con lunetta in oro rosa, una cassa Dust Rose con lunetta in oro chiaro e una cassa nera con lunetta in ardesia.

Non è così ricco come il Venu 2, ma il Vivoactive 4 offre un solido sistema di monitoraggio della salute e del fitness. Non c’è quindi da stupirsi che sia spesso considerato uno dei migliori smartwatch per il fitness che si possano acquistare.

Avrete a disposizione il GPS integrato, il monitoraggio della frequenza cardiaca, il monitoraggio dell’attività e del sonno, il monitoraggio dello stress, il Pulse Ox, la batteria corporea e altro ancora. È ancora molto ricco in termini di applicazioni sportive integrate, con 20 opzioni tra cui scegliere. Offre anche allenamenti animati sullo schermo quando non è possibile andare in palestra o uscire per una sessione.

Sul Vivoactive 4 sono disponibili molte delle stesse funzioni dello smartwatch Venu 2. Tra queste, l’NFC per i pagamenti senza contatto tramite Garmin Pay, le notifiche dello smartphone e la possibilità di memorizzare fino a 500 brani musicali. Forse la durata della batteria è più breve e i vantaggi per la salute e il fitness non sono così numerosi, ma si tratta comunque di uno smartwatch straordinario che offre l’essenziale a un prezzo inferiore.

Garmin Venu 2 vs Vivoactive 4

Garmin Venu 2 vs. Vivoactive 4: quale acquistare?

In definitiva, il Garmin Vivoactive 4 è un’opzione fantastica per chi si accontenta dell’essenziale e non ha bisogno di molto altro. Naturalmente sono presenti le funzioni principali di Garmin, come il GPS, il monitoraggio della frequenza cardiaca, il Pulse Ox, la Body Battery, il monitoraggio del sonno e gli allenamenti su schermo. Ma, ad esempio, si ottengono anche alcuni piacevoli extra, come Garmin Pay e l’archiviazione della musica. È difficile battere questa serie di funzioni per il prezzo.

Se rientra nel vostro budget, il Garmin Venu 2 offre un monitoraggio della salute e del fitness di livello superiore. Alcuni successori cadono nel vuoto, ma questo smartwatch è destinato al successo sotto molti aspetti. L’azienda dichiara che il Venu 2 mira a fornire agli utenti informazioni più profonde e significative sul loro benessere generale. Le nuove funzioni contribuiranno senza dubbio a questo sforzo. Avrete a disposizione l’età del fitness, il punteggio del sonno, Health Snapshot, nuovi profili di attività e una maggiore durata della batteria che vi permetterà di ricaricare meno spesso.

Sarebbe bello vedere Garmin portare alcuni dei vantaggi del Venu 2 sui modelli Vivoactive 4. Per il momento, però, il Venu 2 è un’opzione superiore con più funzioni per la salute e il fitness, un display più bello e una migliore durata della batteria. Per il momento, però, il Venu 2 è l’opzione superiore, con più funzioni per la salute e il fitness, un display più bello e una migliore durata della batteria.