Saltar al contenido

Samsung Galaxy Watch 4 vs 3 – Vale la pena effettuare l’upgrade?

Il Samsung Galaxy Watch 4 e il Galaxy Watch 3 possono condividere i nomi, ma segnano due momenti molto diversi per gli smartwatch Samsung.

Mentre il Watch 3 utilizzava il sistema operativo Tizen di Samsung, il Galaxy Watch 4 è passato a Wear OS 3, un sistema operativo completamente diverso. Ciò significa applicazioni totalmente nuove, opzioni di pagamento contactless, scelta dell’assistente vocale e prestazioni diverse.

Il Watch 3 è ancora disponibile per ora, ma non sarà aggiornato per eseguire Wear di Google. Tuttavia, sarà supportato dal punto di vista software ancora per qualche anno.

Se eravate alla ricerca di uno smartwatch Samsung e vi stavate chiedendo se fosse il caso di prendere un Watch 3 a buon mercato o di optare per il Watch 4, abbiamo analizzato le principali differenze per aiutarvi a decidere cosa perderete e cosa guadagnerete a seconda di dove spenderete i vostri soldi.

Ecco la nostra analisi di come il Samsung Galaxy Watch 4 si confronta con il Galaxy Watch 3.

Samsung Galaxy Watch 4 contro Watch 3: design e schermo

Samsung Galaxy Watch 4 vs 3

C’è molto da dire e cominceremo con le dimensioni e le opzioni del modello.

Con il Galaxy Watch 4 è possibile scegliere tra casse da 40 e 44 mm. C’è anche il Watch 4 Classic, che assomiglia molto al Watch 3, disponibile con casse da 42 e 46 mm. Il Watch 3, invece, è disponibile in due dimensioni: 41 mm e 45 mm, quindi si colloca praticamente a metà tra le dimensioni dei due modelli di Galaxy Watch 4.

C’è molto da dire e cominceremo con le dimensioni e le opzioni del modello.

Con il Galaxy Watch 4 è possibile scegliere tra casse da 40 e 44 mm. C’è anche il Watch 4 Classic, che assomiglia molto al Watch 3, disponibile con casse da 42 e 46 mm. Il Watch 3, invece, è disponibile in due dimensioni: 41 mm e 45 mm, quindi si colloca praticamente a metà tra le dimensioni dei due modelli Galaxy Watch 4.

Per quanto riguarda i cinturini, avrete innanzitutto a disposizione un’ampia gamma di opzioni tra cui scegliere, tra cui quelle in pelle e in silicone, e potrete scegliere tra le app di terze parti e di terze parti da collegare a queste custodie.

Per quanto riguarda le dimensioni, il Watch 3 41 mm utilizza cinturini da 20 mm e il 45 mm utilizza cinturini più grandi da 22 mm. Con il Watch 4 disponibile in quattro diverse misure, la storia è simile per quanto riguarda le dimensioni dei cinturini per i modelli Watch 4 più grandi e più piccoli. Per facilitare la sostituzione dei cinturini, sul retro è presente un semplice meccanismo a perno.

Per quanto riguarda lo schermo, Samsung utilizza i display «Super AMOLED», che sono tra i più luminosi e colorati che si possano trovare su uno smartwatch.

Tecnologia dello schermo

Il nuovo Watch 4 offre un aumento della risoluzione, ma con dimensioni dello schermo simili a quelle del Watch 3.

Il Watch 4 offre la possibilità di scegliere tra uno schermo AMOLED da 1,4 pollici con risoluzione 450 x 450 e uno schermo da 1,2 pollici con risoluzione 396 x 396. Il modello Watch 4 Classic da 46 mm ha uno schermo da 1,4 pollici con risoluzione 450 x 450, come l’opzione Watch 4 più grande. T

l più piccolo Classic da 42 mm ha uno schermo da 1,19 pollici con risoluzione 396x 396. Passando al Watch 3, si ottiene un display AMOLED da 1,4 pollici con risoluzione 360 x 360 sul modello da 45 mm e uno da 1,2 pollici con risoluzione 360 x 360 sul Watch 3 da 41 mm.

In definitiva, le dimensioni dello schermo sono simili, con un salto in termini di risoluzione e di pixel nel Watch 4. Detto questo, gli schermi del Watch 3 reggono ancora bene il confronto con la concorrenza e pensiamo che lo smartwatch Samsung più vecchio sia in grado di offrire una buona esperienza di schermo. Dobbiamo anche aggiungere che tutti gli orologi qui presenti offrono una modalità di visualizzazione sempre attiva se si desidera che lo schermo sia acceso 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Tutti gli orologi offrono due pulsanti fisici, anche se nel nuovo Watch 4 sono più piatti rispetto a quelli tradizionali del Watch 3. Questo è dovuto alle nuove funzioni di monitoraggio della salute aggiunte da Samsung, di cui parleremo più avanti. Questo è dovuto alle nuove funzioni di monitoraggio della salute aggiunte da Samsung, di cui parleremo più avanti. Anche qui ci sono le lunette rotanti, mentre il Watch 3 e il Watch 4 Classic offrono entrambi il tipo fisico. Tuttavia, Samsung ha eliminato il vassoio delle app per il Watch 4, che è invece presente sul Watch 3. Il Watch 4 standard presenta una lunetta digitale come il Galaxy Watch Active 2.

Per quanto riguarda la resistenza all’acqua, la classificazione è di 5ATM. Ciò significa che il Watch 4 e il Watch 3 sono entrambi sicuri per nuotare fino a 50 metri di profondità. Sono tutti in grado di tracciare il nuoto in piscina e in acque libere.

Samsung Galaxy Watch 4 vs Watch 3: caratteristiche del sistema operativo e dello smartwatch

Samsung Galaxy Watch 4 vs 3

Per quanto riguarda le caratteristiche, dobbiamo parlare innanzitutto dei sistemi operativi degli smartwatch. Il Watch 3 utilizza il sistema operativo Tizen di Samsung, mentre tutti i modelli Watch 4 utilizzano il sistema operativo Wear OS di Google, a cui si sovrappone la One UI Watch di Samsung.

L’aspetto cruciale è che il Watch 3 funziona con dispositivi Android e iOS e sembra che continuerà a farlo. Il Samsung Galaxy Watch 4 funziona solo con i telefoni Android e questo è un aspetto importante.

Samsung non aggiornerà il Watch 3 a Wear OS, ma supporterà Tizen per almeno 3 anni, a quanto pare. Wear è il futuro e sembra che Samsung voglia concentrare i propri sforzi su di esso.

Per quanto riguarda le funzioni dello smartwatch, il Watch 3 e il Watch 4 condividono alcune caratteristiche fondamentali. Sarà possibile visualizzare le notifiche e rispondere alle notifiche. Avrete a disposizione controlli musicali e un lettore musicale, anche se i nuovi Samsung offrono 16 GB di spazio di archiviazione rispetto agli 8 GB del Watch 3. È presente il supporto LTE su tutta la linea, l’accesso a Bixby e la possibilità di scaricare applicazioni.

Il Watch 4, tuttavia, avrà accesso al Play Store di Google, mentre il Watch 3 avrà accesso al Samsung Galaxy Store per poter utilizzare app come Spotify. Il nuovo smartwatch Samsung avrà anche le applicazioni di Google precaricate, come Google Maps e YouTube Music. Offrirà inoltre la possibilità di scegliere tra i sistemi di pagamento e gli assistenti intelligenti di Samsung e Google.

Se la compatibilità con l’iPhone è importante, allora dovrete scegliere il Watch 3. Se invece sono importanti un maggiore supporto per le app e il futuro supporto software, allora è il Watch 4 che dovete mettere al polso.

Samsung Galaxy Watch 4 vs Watch 3: funzioni per la salute e il fitness

La buona notizia è che, sia che si scelga il Watch 3 o il Watch 4, si ottengono alcune funzioni piuttosto complete per monitorare la salute e la forma fisica. Non sorprende che scegliendo il nuovo Watch 4 si possa accedere ad alcune novità, ma questo non vuol dire che con il Watch 3 non si abbia accesso ad alcune funzioni.

Per quanto riguarda i sensori, sono disponibili gli stessi sensori di movimento per tracciare il movimento e lo stesso supporto GPS e satellitare per tracciare l’attività fisica all’aperto come corsa, ciclismo e nuoto in acque libere. Il Watch 3 è dotato di un cardiofrequenzimetro ottico e ospita anche un sensore ECG per offrire letture più accurate della frequenza cardiaca. Utilizza inoltre la configurazione del sensore ottico per consentire agli utenti di rilevare l’ossigeno nel sangue e la pressione sanguigna, dopo averla calibrata con un monitor a bracciale.

Il Watch 4 offre tutte le stesse funzioni, ma introduce anche il nuovo sensore BioActive, che aggiunge un sensore BIA (analisi dell’impedenza bioelettrica), utilizzabile per una nuova analisi della composizione corporea legata al monitoraggio del peso e di parametri come il muscolo scheletrico e l’acqua corporea.

Come tracker per il fitness, si ottengono molte delle stesse funzioni in termini di ciò che si può monitorare, mentre le schermate del Watch 4 appaiono leggermente diverse grazie all’influenza di Wear e della nuova interfaccia utente di Samsung. Il Watch 4 presenta alcuni miglioramenti sul fronte del monitoraggio del sonno, con il rilevamento del russare e la possibilità di misurare i livelli di ossigeno nel sangue durante la notte, cosa che al momento non è possibile fare sul Watch 3.

La nostra occhiata alle funzioni di tracking sportivo sembra indicare che le cose saranno molto simili in entrambi gli orologi. Le modalità di allenamento sono in gran parte le stesse, con funzioni importanti per la corsa come l’allenatore di corsa basato sull’audio e metriche di corsa avanzate supportate da entrambi gli orologi.

Samsung afferma che il Watch 4 offrirà un maggiore supporto per il riconoscimento automatico dell’attività, ma non crediamo che sia una funzione estremamente desiderabile al di fuori del rilevamento di quando si va a fare una passeggiata, dato che la precisione è inferiore a quella del rilevamento manuale.

Anche in questo caso bisogna tenere conto delle app, perché il Watch 4 dovrebbe beneficiare di alcune app di terze parti ricostruite da aziende del calibro di Strava e Adidas running, che dovrebbero migliorare l’esperienza di tracking anche in questo caso.

Diremmo che offrono un buon mix di funzioni per la salute e il fitness, anche se il Watch 4 offre un servizio di tracciamento della salute maggiore.

Samsung Galaxy Watch 4 vs Watch 3: durata della batteria

Samsung Galaxy Watch 4 vs 3

Se vi interessa l’autonomia della batteria, allora diremmo di essere pronti a sperimentare prestazioni simili in base ai nostri test con il Watch 3 e ai numeri menzionati da Samsung per quanto riguarda la batteria che ci si può aspettare dal Watch 4.

Cominciamo con il Watch 3, che ha una batteria da 247 mAh per il modello da 41 mm e da 330 mAh per la versione da 45 mm. Secondo Samsung, queste batterie dovrebbero garantire un’autonomia di oltre 43 ore con un utilizzo tipico o di 120 ore con un utilizzo ridotto. In base ai nostri test con il Watch 3 più grande, abbiamo ottenuto una media di 1,5 giorni e un massimo di 2 giorni.

Sul Watch 4, c’è una batteria da 361 mAh nei modelli da 44 e 46 mm e una più piccola da 247 mAh riservata agli orologi da 40 e 42 mm. Samsung afferma che è possibile aspettarsi fino a 40 ore di autonomia e che è possibile aggiungere 10 ore di carica da una ricarica di 30 minuti. In definitiva, però, sembra che in modalità smartwatch completo possiamo aspettarci un tipo di batteria simile a quella del Watch 4, il che è un po’ deludente.

Samsung Galaxy Watch 4 vs Watch 3: primo verdetto

Come si comportano il Samsung Galaxy Watch 4 e il Samsung Galaxy Watch 3?

Dal punto di vista del design, il Watch 4 offre ovviamente più opzioni di dimensioni e beneficia di schermi migliori. L’aspetto del Galaxy Watch 4 Classic non è molto diverso da quello del Watch 3, anche se la ghiera girevole fisica sembra dominare maggiormente sul nuovo smartwatch Samsung. Riteniamo che anche gli schermi del Watch 3 reggano bene.

Dal punto di vista delle funzionalità, il Watch 4 offre una funzione aggiuntiva di analisi della composizione corporea rispetto al Watch 3 e funziona su Wear, il che apre il ventaglio di app a disposizione. Il Watch 3, tuttavia, funziona ancora con gli iPhone, anche se il sistema operativo sarà valido per circa 2-3 anni prima di iniziare a sembrare vecchio. A quel punto potreste comunque desiderare uno smartwatch diverso.

Non è possibile distinguerli in base ai numeri della batteria e, sebbene il Watch 4 abbia un processore Exynos più recente, non possiamo dire di aver trovato il Watch 3 particolarmente lento nel reparto prestazioni.

Se scegliete il Watch 3, avrete comunque un orologio di bell’aspetto, ricco di funzioni e con un hardware che non sembra datato.

Ma si perderà soprattutto la nuova esperienza di Wear.

Il Watch 4 offre il meglio che Samsung ha da offrire con dimensioni multiple e il sistema operativo Wear che Samsung ha contribuito a costruire e cercherà di migliorare e potenziare con Tizen che alla fine si è lasciato alle spalle.