Skip to content

Samsung Galaxy Tab S9 vs iPad Pro – Dove sono le differenze?

Il Galaxy Tab S9 Ultra di Samsung è il più grande e migliore tablet Android attualmente sul mercato, in quanto offre più potenza, schermo e capacità di multitasking di qualsiasi altro tablet Android. Ma agli occhi dei dirigenti Samsung e probabilmente anche di molti consumatori, il Tab S9 Ultra non è qui per sfidare i tablet Google Pixel o i OnePlus Pad del mondo. L’obiettivo del Tab S9 Ultra è invece l’iPad Pro.

Nelle ultime due settimane ho utilizzato sia l’ultimo iPad Pro M2 che il Galaxy Tab S9 Ultra, sia per lavoro che per svago. Sotto molti aspetti, questi due tablet hanno prestazioni simili – alcuni dei principali fattori di differenziazione tra i dispositivi iOS e Android sono scomparsi negli ultimi anni – ma ognuno di essi è chiaramente vincente in compiti specifici.

Hardware e design

Samsung Galaxy Tab S9 vs iPad Pro

Entrambi i tablet hanno il tipico design delle moderne ammiraglie, con scocca unibody metallica, lati piatti e fronti quasi interamente a schermo avvolti da cornici sottili. Il tablet di Samsung è un po’ più sottile ma un po’ più pesante. Ogni slate ha una configurazione a quattro altoparlanti con posizionamento simmetrico sui lati e porte USB-C nella parte inferiore. A dire il vero, ogni tablet si sente un po’ spoglio senza essere collegato a una tastiera, perché sono entrambi grandi; ovviamente quello di Samsung lo è ancora di più.

Lo schermo da 14,6 pollici e 16:10 del Tab S9 Ultra è più ampio di quello da 12,9 pollici e 3:2 dell’iPad, e anche le cornici che avvolgono lo slate di Samsung sono più sottili di quelle dell’iPad, ma questo spazio orizzontale in più porta benefici tangibili solo se si guardano video in widescreen o se si hanno due o più app aperte contemporaneamente. Altrimenti, se ad esempio Google Docs o il sito web di XDA sono aperti a schermo intero su entrambi i dispositivi, non è che il centimetro in più di spazio laterale faccia una grande differenza. La maggior parte delle interfacce utente delle applicazioni non sfrutta comunque lo spazio laterale extra.

Quello che sto cercando di dire è che, anche se sulla carta i 14,6 pollici sembrano un po’ più grandi dei 12,9 pollici, la differenza in termini di spazio utilizzabile dello schermo tra i due tablet non è troppo distante. Lo schermo OLED del Tab S9 Ultra è tecnicamente superiore al MiniLED dell’iPad Pro, ma a meno che non stia guardando un video con molte scene scure, non noto davvero la più ampia gamma di colori dei pannelli OLED. Certo, il Tab S9 Ultra è in grado di visualizzare i neri puri, mentre quelli dell’iPad Pro non sono così profondi, ma la maggior parte delle app e dei siti web non sembrano neri come la pece. Anche la modalità scura spesso trasforma i colori in grigio scuro, che il MiniLED è in grado di gestire. Lo stesso vale per la risoluzione: l’iPad Pro ha un PPI (pixel per pollice) leggermente più alto e nessuno di questi schermi ha la stessa densità di pixel dei migliori flagship Android, ma onestamente bisogna avere una vista sovrumana per riuscire a individuare i singoli pixel. Questi schermi sono sufficientemente nitidi e vivaci.

Una differenza evidente tra i due pannelli è la regolazione del colore. Lo schermo dell’iPad Pro, come quello dell’iPhone di Apple, tende a diventare caldo, probabilmente a causa della tecnologia TrueTone che cerca di mantenere basso il livello di luce blu. I pannelli di Samsung tendono a privilegiare una tonalità più fredda. Nessuno dei due lati si discosta così tanto da spiccare nel vuoto, ma affiancati, il divario sembra improvvisamente grande. Penso che gli schermi Apple tendano a sembrare un po’ troppo gialli per i miei gusti, ma si potrebbe sostenere che sia più salutare per i miei occhi. Le animazioni sono fluide come l’olio per entrambi gli schermi, che possono visualizzare frequenze di aggiornamento fino a 120 Hz, anche se ritengo che le animazioni di iPadOS siano un po’ più fluide rispetto alla OneUI del Tab S9 Ultra.

Sotto lo schermo del Tab S9 Ultra si trova uno scanner di impronte digitali in-display, situato vicino al lato destro dello schermo quando è in formato orizzontale. Sull’iPad Pro, la biometria è gestita tramite Face ID, con il sistema di telecamere TrueDepth di Apple alloggiato nella cornice sinistra quando il dispositivo è in formato orizzontale.

In termini di silicio, abbiamo l’M2 nell’iPad Pro e lo Snapdragon 8 Gen 2 per Galaxy nel Tab S9 Ultra. Entrambi i chip sono molto potenti, ma l’M2 lo è di più, ottenendo un punteggio più alto nei benchmark multicore di Geekbench 6 (9.478 a 5.370). Se si utilizzano questi tablet solo per leggere articoli, guardare video, giocare a giochi casuali e inviare occasionalmente e-mail (che credo sia la maggioranza degli utenti), non credo che la differenza di potenza del silicio sia importante. Ma se si editano video o si fanno lavori di grafica 3D, allora l’M2 andrà meglio.

Il Galaxy Tab S9 Ultra è in vantaggio per quanto riguarda la durata della batteria, con una cella da 11.600 mAh, più grande di quella da 10.758 mAh dell’iPad Pro. Anche il consumo della batteria in condizioni di utilizzo reale favorisce il tablet di Samsung, ma ne parlerò meglio nella sezione dedicata alle prestazioni.

Accessori

Samsung Galaxy Tab S9 vs iPad Pro

Sono dell’opinione che questi tablet di livello Pro/Ultra non siano fatti per essere usati come palmari; sono troppo grandi e troppo potenti per essere solo una gigantesca macchina per lo scrolling di Instagram e per Netflix. A mio parere, queste macchine raggiungono il loro pieno potenziale come macchine creative/produttive, che richiedono una tastiera e uno stilo. Ecco perché teniamo traccia dei migliori accessori per Galaxy Tab S9 Ultra e iPad Pro M2.

Samsung include lo stilo (S Pen) nella confezione del Tab S9 Ultra; la Apple Pencil, invece, è un acquisto completamente separato. Nonostante il suo status di omaggio, si può sostenere che la S Pen sia un po’ più performante perché può fungere da telecomando per il tablet, controllando elementi come l’otturatore della fotocamera e le presentazioni di PowerPoint. La Apple Pencil è per lo più solo uno strumento per toccare lo schermo con precisione, anche se offre alcune funzioni utili per il disegno.

Per quanto riguarda la tastiera, purtroppo ho a disposizione solo la tastiera ufficiale di prima parte per l’iPad Pro, poiché Samsung non mi ha fornito la tastiera dell’S9 Ultra per la recensione. Tuttavia, l’anno scorso ho usato la tastiera ufficiale di Samsung per il Tab S8 Ultra per alcune settimane, quindi ho un’opinione fondata su come si comportano le due tastiere. Sebbene le tastiere ufficiali di entrambe le aziende per questi tablet siano costose (oltre 300 € l’una), non mancano opzioni di terze parti più economiche. Più avanti nell’articolo parlerò di come questi accessori influiscono sulle prestazioni dei due tablet.

Software e caratteristiche

Samsung Galaxy Tab S9 vs iPad Pro

Il Galaxy Tab S9 Ultra esegue OneUI 5.1 basata su Android 13, mentre l’iPad Pro opera su iPadOS 16.6. Questa è solo la versione per grandi schermi del tipico dibattito Android vs iOS, per cui molte categorie dipenderanno dalle preferenze personali. Tuttavia, vorrei dire che la battaglia sull’ecosistema delle app, che favorisce Apple nel settore dei telefoni, ha un margine di vittoria ancora più ampio nella categoria dei tablet, perché molte app Android, comprese alcune molto utilizzate come l’app precedentemente nota come Twitter, non sono ottimizzate per Android widescreen.

Ritengo inoltre che la selezione di widget di iPadOS sia notevolmente superiore a quella disponibile per Samsung. Apple è arrivata tardi a offrire widget per la homescreen, ma quasi tutti i recensori concordano sul fatto che la versione di Apple è migliore di quella di Android, con widget che si inseriscono nella griglia della homescreen in modo più naturale e con un maggior numero di widget interattivi.

Tuttavia, il Tab S9 Ultra di Samsung è molto più adatto a eseguire più app contemporaneamente. L’interfaccia utente Android di Samsung è stata ottima per eseguire le app in forma di finestra fluttuante ridimensionabile per alcuni anni, ma ci sono nuovi gesti in OneUI 5.1 che rendono l’esperienza più fluida: è sufficiente trascinare verso il basso l’angolo superiore destro di un’app a schermo intero per “rimpicciolirla” in una finestra.

Su iPadOS è possibile lanciare le app in modalità finestra, ma è necessario attivare una funzione chiamata Stage Manager, che è eccessivamente complicata e richiede una certa curva di apprendimento. Anche dopo aver imparato Stage Manager, non è possibile aprire tutte le app dell’iPad come quelle del Tab S9 Ultra.

Entrambi i tablet supportano monitor esterni, ma Samsung li supporta solo trasformando il monitor esterno in DeX, l’interfaccia utente sandbox di Samsung simile a Windows. L’iPad Pro può estendere la sua homescreen sul secondo schermo come farebbero i MacBook e i portatili Windows. Preferisco l’approccio di Apple, perché c’è una certa coesione tra due schermi che condividono la stessa interfaccia utente, mentre per Samsung, DeX si comporta separatamente dallo schermo del Tab S9 Ultra.

Prestazioni

Samsung Galaxy Tab S9 vs iPad Pro

Come tablet portatile per i social media e il consumo di contenuti multimediali, entrambi i tablet hanno prestazioni eccellenti, come previsto. Si tratta di piccoli vantaggi, come il fatto che l’iPad Pro è un po’ più facile da tenere con una mano sola perché non è così largo o che il Tab S9 Ultra ha un letterboxing più ridotto quando si guardano i film, ma nessuno di questi è un vantaggio importante. Il sistema di altoparlanti quadrupli presente in entrambi i tablet è eccellente, così come l’aptica.

Come già detto, il Tab S9 Ultra è migliore nel multitasking, quindi preferisco usarlo rispetto all’iPad Pro come tablet generale, soprattutto perché mi piace poter controllare le e-mail e allo stesso tempo tenere d’occhio Twitter; portare avanti una conversazione WhatsApp in una piccola finestra mentre scorro senza pensieri i Reel di Instagram, ecc. Mi piace particolarmente scorrere Instagram sul Tab S9 Ultra perché l’app viene eseguita a schermo intero, mentre l’iPad Pro la costringe in una dimensione più piccola. È molto più coinvolgente sul dispositivo di Samsung.

Ho giocato a qualche gioco e ogni gioco è filato via liscio al massimo delle impostazioni. Come ho detto prima, anche se l’M2 è più potente, il chip Snapdragon 8 Gen 2 per Galaxy è ancora di fascia molto alta. La superiorità dell’M2 si vede nell’editing video, ma non si tratta di un confronto diretto. Sull’iPad Pro ho usato Final Cut Pro, che gira in modo così fluido sul tablet da lasciare a bocca aperta. Sul Tab S9 Ultra uso quello che molti considerano il miglior editor video per Android, LumaFusion, e anche se il software funziona bene, i tempi di esportazione sono decisamente più lunghi rispetto all’iPad Pro M2. Anche scorrendo le linee temporali a più livelli si verificano occasionalmente dei balbettii sul tablet di Samsung, ma mai sull’iPad Pro. Il silicio di Apple è così ben ottimizzato per l’editing video; anche nella galleria fotografica nativa di ciascun tablet, il taglio della lunghezza di un video in un nuovo file è un processo istantaneo sull’iPad Pro, mentre il Tab S9 Ultra impiega dai 5 ai 15 secondi.

Per quanto riguarda le prestazioni dello stilo, devo dare un leggero vantaggio alla Apple Pencil rispetto alla S Pen nel reparto comfort: la Apple Pencil è un po’ più spessa, quindi è più facile da tenere in mano. Per gli schizzi è un po’ più sensibile e consente anche di ombreggiare (inclinando la matita lateralmente). Con la S Pen del Tab S9 Ultra non c’è la possibilità di ombreggiare. Tuttavia, la S Pen può fungere da telecomando per la fotocamera e la riproduzione video, mentre la Apple Pencil non può farlo. Inoltre, la S Pen è in omaggio con la confezione, mentre per l’iPad è un acquisto separato.

Entrambi i tablet sono dotati di un sistema a doppia fotocamera sul retro, che copre la gamma wide e ultra-wide. So che ci sono casi in cui una fotocamera può essere utile, ad esempio se si deve scattare una foto di un documento o mostrare rapidamente a qualcuno ciò che ci circonda, ma in generale, abbiamo bisogno di sistemi a doppia fotocamera su tablet di queste dimensioni? Chi ha intenzione di prendere un Tab S9 Ultra da quasi 15 pollici e scattare foto panoramiche ultra ampie? Ma sto divagando… i sistemi posteriori vanno bene e fanno il loro lavoro, producendo foto e video alla pari con alcuni dei migliori telefoni economici.

Ciò che conta di più per me (e credo per la maggior parte delle persone) è la fotocamera frontale, necessaria per le videochiamate. In questo caso, il vantaggio è di Samsung perché la fotocamera è posizionata nel punto giusto, al centro della cornice superiore quando l’apparecchio è nella sua forma nativa in orizzontale. Sull’iPad, invece, si trova al centro della cornice superiore, ma in formato verticale. È come se Apple si aspettasse che più persone utilizzino l’iPad in orientamento verticale. Ma la tastiera magica posiziona il tablet solo in orizzontale. Le fotocamere frontali fanno un buon lavoro nel catturare il mio volto per foto e video e in generale funzionano come dovrebbero.

Come già detto, il Tab S9 Ultra è in vantaggio per quanto riguarda la durata della batteria. Non so se dipenda in particolare dal mio utilizzo, ma l’iPad Pro consuma sorprendentemente molta energia, quasi il 10-14% all’ora, mentre il Tab S9 Ultra si avvicina all’8-12% all’ora. In ogni caso, questi dispositivi sono in grado di gestire senza problemi una sessione di lavoro pomeridiana in un bar o anche una giornata intera di otto ore se si parte da una carica completa, a meno che non si stia esagerando con la macchina, ad esempio giocando o montando video.

Samsung Galaxy Tab S9 vs iPad Pro

Quale tablet acquistare?

Questa è una scelta difficile, personalmente sceglierei l’iPad Pro solo perché faccio editing video come parte del mio lavoro e la combinazione M2+Final Cut Pro è semplicemente migliore di qualsiasi altro dispositivo Android. Ma sono consapevole che la maggior parte delle persone non si occupa di editing video e per loro il Tab S9 Ultra è più capace, versatile e leggermente più conveniente. Preferisco usare il Tab S9 Ultra per le sessioni di scorrimento di Instagram o TikTok (soprattutto perché Instagram non si apre a schermo intero sull’iPad), e il multitasking superiore di Samsung mi permette di eseguire Instagram oltre a una o due app. Inoltre, preferisco guardare i video sul Tab S9 Ultra grazie al suo display widescreen. Il fatto che la S Pen venga fornita gratuitamente è un ulteriore vantaggio. Certo, l’iPad Pro ha un SoC più potente, ma non credo che la maggior parte delle persone lo sfrutterà appieno.

Se vi occupate di montaggio di video o siete un altro tipo di professionisti creativi che creano grafica e animazioni, la scelta ricade sul chip M2 dell’iPad Pro e sull’ecosistema di app superiore (soprattutto per i creativi). Lo dico spesso nelle mie recensioni e sui social media, ma credo che riassuma bene la bontà dell’iPad: io sono, di default, un tipo da Android; porto un telefono Android piuttosto che un iPhone per 10 mesi all’anno. Ma quando si parla di tablet, personalmente devo scegliere l’iPad perché è molto più capace nell’editing video. Questo valeva anche prima che Final Cut Pro arrivasse su iPad. Ora l’iPad Pro è abbastanza buono da poter essere la mia unica macchina da lavoro in caso di brevi trasferte. È il tablet più potente al mondo, senza dubbio.