Skip to content

Meta Quest 2 vs Pico 4 – Dove sono le differenze?

Non c’è dubbio che gli occhiali per la realtà virtuale Meta Quest 2 siano i più competitivi oggi sul mercato. Hanno venduto non meno di 15 milioni di unità dalla loro uscita pubblica nell’ottobre 2020, di fatto più unità dell’ultima Xbox.

Ma il suo regno potrebbe essere destinato a finire. Il più grande concorrente di Meta nel settore dei social media, ByteDance (il creatore di TikTok) ha acquistato la società di realtà virtuale “Pico” nell’estate dello scorso anno. E ora l’azienda sta rilasciando i suoi ultimi occhiali VR, i Pico 4.

Entrambi i dispositivi sono economicamente competitivi e offrono un’ampia gamma di possibilità. Ma quali sono i migliori? Confrontiamoli dettaglio per dettaglio e decidiamo quale occhiale vale la pena di spendere.

Meta Quest 2 Vs. Pico 4: Caratteristiche

Meta Quest 2 vs Pico 4

Meta Quest 2 e Pico 4 presentano molte analogie in termini di caratteristiche. Entrambi i visori VR utilizzano il tracking inside-out (cioè si può giocare senza doverli collegare a un dispositivo esterno) ed entrambi soddisfano i requisiti 6DoF VR (in altre parole, i mondi sono immersivi ed esplorabili piuttosto che semplici immagini statiche).

La differenza maggiore tra i due dispositivi è che, grazie alla fotocamera RGB da 16 MP, il Pico 4 offre una visione a colori dell’ambiente circostante. Il Quest 2, invece, è in grado di catturare solo i video dell’ambiente circostante in scala di grigi. Questo permette agli sviluppatori di utilizzare il Pico 4 per offrire esperienze di realtà aumentata molto più realistiche e coinvolgenti di quelle possibili con il Quest 2.

Per quanto riguarda gli accessori, il Pico 4 è compatibile anche con le fasce fitness opzionali che possono essere acquistate per circa 50 euro. Queste fasce consentono di monitorare varie parti del corpo per migliorare gli allenamenti.

Ad esempio, le bande possono essere posizionate su ciascuna caviglia per il tracciamento del piede, controllando così i movimenti della gamba e il tracciamento del passo, o anche per facilitare l’allenamento di tutto il corpo.

In termini di durata della batteria, il Pico 4 è pubblicizzato per durare tra le 2,5 e le 3 ore, mentre il Meta Quest 2 può durare tra le 2 e le 3 ore da solo. Da questo punto di vista sono alla pari.

Meta Quest 2 Vs. Pico 4: Libreria di applicazioni e giochi

Meta Quest 2 vs Pico 4

Anche se il Pico 4 è in grado di competere con il Meta Quest 2 sul fronte dell’hardware, è ancora una grande sfida per loro ottenere una libreria di giochi e applicazioni così ampia come quella del Meta.

Per iniziare a creare l’entusiasmo per il suo nuovo dispositivo, Pico ha annunciato che alcuni giochi di realtà virtuale saranno forniti in bundle con gli occhiali VR. Alcuni di questi sono:

  • Peaky Blinders: Il riscatto del re.
  • Ultimechs.
  • Demeo.
  • The Walking Dead: Santi e peccatori.

L’azienda cinese vuole anche iniziare a creare contenuti di fitness per i suoi occhiali VR, come Les Mills Body Combat, All-in-One Summer Sports VR e Just Dance VR. Sebbene l’elenco sia piuttosto allettante, è ben lontano da ciò che il negozio di app Meta ha da offrire al momento.

L’azienda di Zuckerberg è riuscita a offrire videogiochi esclusivi per il Quest 2 come Resident Evil 4, Ghostbusters VR, il classico GTA San Andreas VR e Assassin’s Creed VR di Ubisoft. Questi ultimi sono previsti in uscita nel prossimo futuro, ma saranno disponibili solo per gli occhiali VR di Meta.

Meta Quest 2 vs Pico 4

Meta Quest 2 vs. Pico 4: conclusione

Ogni paio di occhiali VR ha i suoi punti di forza e di debolezza. Il Pico 4 ha un hardware molto competitivo e un prezzo inferiore, ma è anche vero che è stato rilasciato due anni dopo il Meta Quest 2, quindi il confronto non è del tutto equo.

D’altra parte, il Meta Quest 2 dispone di un’enorme libreria di app, di fatto la più grande mai realizzata per un dispositivo di realtà virtuale. Inoltre, sembra che il fratello maggiore del Quest 2 (il Meta Quest Pro) sia in arrivo, visto che potrebbe arrivare sul mercato già nell’ottobre del 2022.